News
Coltivazione

Allevamento

Certificazione

  › legislazione

  › certificazione

  › adempimenti


Mercato e Marketing

Politiche agricole

Legislazione



per una ricerca più efficace
utilizzate una singola parola

L'interpretazione del Ministero sul problema delle rotazioni

Nella nota emanata viene specificato fra l'altro che:
1. la rotazione deve essere indicata nella relazione tecnica complementare alla Notifica;
2. gli OdC devono effettuare controlli per verificare se quanto dichiarato nella relazione tecnica viene realmente effettuato nell'azienda;
3. gli avvicendamenti colturali validi devono comprendere almeno tre cicli colturali di colture non poliennali, appartenenenti a specie botaniche differenti;
4. nella rotazione deve essere presente una leguminosa o un sovescio;
5. le colture ortive poliannuali (per es. carciofo e asparago) sono conformi;
6. le coltura consociate con leguminose e gli erbai misti con presenza di leguminose possono essere considerate analoghe a colture pure di leguminose e a sovesci;
7. una coltura che, per vari motivi, non viene portata a termine può essere ripiantata/riseminata;
8. le verdure a foglia per cui è possibile eseguire 3 cicli consecutivi sono quelle che si raccolgono sia a cespo che tagliando solo le foglie e che il ciclo si intende concluso quando la raccolta determina la fine del ciclo colturale;
9. le colture da taglio sono quelle il cui prodotto è costituito principalmente dalle foglie e la cui raccolta può essere eseguita più volte, prima della fine del ciclo colturale;
10. i 70 giorni di durata della coltura da sovescio vanno calcolati dalla sua semina fino alla semina/trapianto della coltura successiva al sovescio.

Per scaricare la nota vai nella sezione "Documenti", ricerca "interpretazione" e clicca sul titolo.

16 settembre 2010

REGISTRATI
CON IL CONTRIBUTO:
STATI GENERALI DEL BIOLOGICO: