Documenti pag. < [1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 >
Coltivazione

  › frutticoltura e viticoltura

  › orticoltura

  › grandi colture


Allevamento

Certificazione

Mercato e Marketing

Politiche agricole

Legislazione

Manuale di Fruttiviticoltura biologica



per una ricerca più efficace
utilizzate una singola parola
Coltivazione

Valutazioni agronomiche dei film per pacciamatura in Mater-Bi®: otto anni di sperimentazione (2002-09) - II parte

Seconda parte della relazione intitolata “Valutazioni agronomiche dei film per pacciamatura in Mater-Bi®: otto anni di sperimentazione (2002-09)”.
Si riportano le performance dei bio-film pacciamanti sulle produzioni e sulle condizioni ambientali in colture orticole.
I risultati ottenuti sono stati analoghi a quelle del testimone (polietilene nero di 50 micron).

Fertilizzazione in un’area orticola intensiva con compost da biomasse vegetali di scarto

Le prove presentate in questo documento sono state condotte dalla Università della Tuscia in collaborazione con la società Agrital fra il 2002 e il 2006 e indicano che la tesi concimata unicamente con compost ha mostrato sufficienti performance nutritive nei confronti delle colture testate (anche se in effetti la dose utilizzata nelle tesi 100% appare un po' troppo elevata).

A confronto sovesci in miscuglio in un vigneto

Una prova sperimentale svolta in un vigneto della provincia di Treviso, ha messo a confronto 5 diversi miscugli composti da graminacee e leguminose con il testimone inerbito.
I migliori risultati, come apporto dei macroelementi (N, P e K) e di sostanza prodotta, sono stati ottenuti dal miscuglio segale-veccia.
Gli apporti di macroelementi sono ritenuti più che sufficienti a coprire i fabbisogni medi della vite.

Accumulo di rame nel suolo: pero e vite

Con prove in vaso, su pero e vite, utilizzando un terreno sabbioso ed uno franco-argilloso, si è valutata la tossicità del rame sulle colture aggiungendo ad entrambi i terreni diverse dosi di rame al fine di ottenere concentrazioni di Cu fino a circa 40 volte superiori a quelle naturali.L'attività di Ricerca e Sperimentazione è stata realizzata nell'ambito di progetti realizzati tramite il coordinamento di Crpv e Pro.B.E.R. e con il contributo della Regione Emilia Romagna.

Scheda del gruppo di lavoro di Pro.B.E.R.
REGISTRATI
CON IL CONTRIBUTO:
STATI GENERALI DEL BIOLOGICO: